Il Campeggio Club Polesano nasce nel 1976, nei mesi di maggio e giugno. L’atto costitutivo vede impegnate una  ventina di proprietari di caravan, e i fratelli Mariani, titolari della appena avviata azienda Deltavacanze, una assoluta novità in Polesine, che propone l’acquisto di caravan, gommoni, motoscafi e ovviamente accessori. Comincia quindi ufficialmente anche per la provincia di Rovigo a proporsi un nuovo modo di fare turismo, il cosiddetto turismo all’aria aperta, “l’abitar viaggiando” come lo ha felicemente etichettato il mentore del Plein Air, Raffaele Jannucci. Questa avanguardia di “coraggiosi” pratica la vacanza sia in estate che in inverno e si diverte ad organizzare ogni anno un raduno sul Delta del Po dedicato ai propri Soci e a quelli dei Club del Veneto, partecipa attivamente agli eventi fieristici che si svolgono nel capoluogo, si affilia alla Federazione Nazionale del Campeggio, per la quale collabora a livello regionale. Tra il 1977 ed il 1980 entrano a far parte del Club nuovi Soci, tutti più giovani dei fondatori; la loro presenza imprime una accelerazione funzionale notevole nel Club, al punto che il tradizionale raduno sul Delta si trasforma in un evento a carattere nazionale, che registra quote di partecipanti sempre superiori ai 60 equipaggi. Ma è nel decennio degli anni ‘90 che il Club “decolla” : ottiene la partnership  della Provincia di Rovigo, allora “lanciata” nella promozione del Parco del Delta del Po, e partecipa con un proprio stand a “Mondo Natura” alla Fiera di Rimini, ottenendo per due anni successivi il 1° premio per il miglior stand allestito in Fiera. Allora il presidente Massimo Zanella, in perfetta sintonia con la Federazione nazionale, presidente Giancarlo Ceci, e la Rivista Plein Air nella persona del direttore Raffaele Jannucci, “convince” le 13 Provincie della Consulta del Po – quelle della pianura padana per intenderci – ad organizzare una manifestazione a carattere internazionale  denominata “dal Monviso al Delta” calendarizzata nella prima quindicina di settembre. E’ un successo notevole : il primo anno si iscrivono al raduno itinerante, della durata di 8 giorni, 70 equipaggi; il secondo anno la organizzazione è costretta a chiudere le iscrizioni all’inizio di maggio con 160 equipaggi iscritti e 10 ammessi in lista di attesa! Questo lunghissimo serpente, che segue il corso del Po da Pian del Re sino al Faro del Po della Pila, diventa un ambasciatore fondamentale nella cultura della accoglienza del Turismo secondo Natura.  I comuni, le APT, le Pro Loco, Le Provincie, le Regioni e soprattutto gli operatori turistici toccano con mano la grande portata, anche economica, di questo movimento. Ed il Club Polesano, sull’onda del successo, inizia una nuova avventura : fonda una Associazione non a scopo di lucro, la “Assocamping  Polesano Porto Bussari”, e in accordo con la proprietà, in regime di comodato d’uso per 15 anni, ottiene la gestione della omonima Darsena privata con l’impegno di trasformare un’ area abbandonata in un centro  strutturato per il ricovero dei veicoli ricreazionali, camper, caravan, ma anche barche e gommoni. Nel breve volgere di due anni l’area si vitalizza; vengono costruiti, in perfetta sintonia con l’ambiente circostante, due capannoni, la sede del Club e attivati tutti i servizi necessari per una corretta e concreta manutenzione dei mezzi stessi: quindi pozzetti di scarico di acque nere e grigie, piattaforma attrezzata per il lavaggio, sevizi igienici e docce. Nel settembre del 2016 viene inaugurata la terza struttura di  ricovero per mezzi e la gestione della “Assocamping” viene garantita dal volontariato attento e scrupoloso di un pugno di Soci preparati e competenti; si tratta ormai di un vero e proprio lavoro, scandito da impegni operativi, finanziari e gestionali non indifferenti  e puntualmente registrato nelle analitiche e numerose voci del bilancio di gestione. Adesso le iscrizioni al Club oscillano tra 120 e 130 adesioni, 90 circa dei quali sono anche Soci della “Assocamping Polesano  Porto Bussari”. Per avere un’idea di ciò che siamo riusciti a realizzare basta cliccare sui filmati appositamente registrati in occasione della inaugurazione della nuova struttura.

Dal 1° Gennaio 2019 il Campeggio Club Polesano diventa “A.P.S. Assocamping Polesano Porto Bussari”

Essendo entrata in vigore la riforma del 3° Settore abbiamo dovuto riscrivere il nostro Statuto; nel prendere visione ed esaminare i nuovi provvedimenti legislativi e normativi abbiamo rilevato la necessità di dare sostanza al nostro operare, chiedendo l’iscrizione all’albo regionale delle Associazioni di volontariato.

Nel contempo abbiamo fatto una scelta di campo della quale siamo orgogliosi: abbiamo scelto di associarci come Associazione al Club del Plein Air, e siamo il primo Club in Italia che entra a far parte di questa grande Famiglia.

Per dare un senso compiuto a questo  nuovo assetto del nostro Sodalizio abbiamo organizzato – ovviamente  in perfetta sintonia e collaborazione con il Club del Plein Air – nei gg. 17, 18 e 19 maggio 2019 il 1° incontro nazionale del Amici del Club del Plein Air; l’evento si svolgerà  nel Parco del Delta del Po e i partecipanti saranno ospiti del Villaggio Camping Rosapineta.